Lavandino otturato. Come risolvere?

Ultimo aggiornamento: 27 Marzo 2020

L’otturazione del lavello o del lavandino del bagno è uno di quei problemi domestici che sicuramente sarà capitato almeno una volta a ciascuno di noi. Una vera seccatura che, a seconda della gravità delle circostanze, può risolversi in un una difficoltà a usare bagno o cucina o a un totale, drammatico, stop delle funzionalità di base di una parte importante della casa.

Ad ostruirsi sono ovviamente le tubazioni di scarico, che vanno distinte da quelle di carico. Se siamo in cucina i principali responsabili dell’ostruzione sono i residui di cibo miscelati a olio e saponi per lavare le stoviglie. Questi “ingredienti” creano un mix micidiale che, solidificandosi, finisce per ostruire le tubazioni fino a provocare l’otturazione vera e proria.

In bagno, invece, i nemici dei tubi sono peli, capelli (soprattutto i capelli!) e saponi vari.

Come Ditta Borsetti il consiglio che diamo, di base, è quello di rivolgersi a un idraulico. L’idraulico sarà competente, saprà dove mettere le mani, non si farà male (come vedremo si rischia anche quello) e, cosa ancora più importante, non peggiorerà mai la situazione facendo dei danni.

Tuttavia esistono alcuni consigli pratici che possono essere tentati in tutta sicurezza e che in molti casi risolvono il problema con dei rimedi “casalinghi” e vorremmo condividere con voi questi trucchi. Vediamo quindi come fare per disostruire uno scarico con dei rimedi fai da te

Acqua calda e stura lavandini

Spesso l’acqua calda riesce a ammorbidire il “tappo”, permettendovi così di agire. Versate una pentola di acqua molto calda, facendo attenzione a non scottarvi, direttamente nello scarico. Versate l’acqua tutta assieme e non un poco alla volta.

Quando l’acqua sarà defluita armeggiate con il classico stura lavandini e voilà, potreste aver risolto con questo semplice espediente.

Bicarbonato e aceto

Bicarbonato e aceto sono le armi chimiche più potenti a disposizione di ogni cucina che si rispertti. Non tutti sanno che entrambi questi elementi hanno un elevato potere disincrostante. Ma il vero segreto sta nel mischiarli: questo potere si moltiplica creando un potente strumento che potrebbe portare a nuovo le vostre tubature.

Procedete così: versate un mezzo bicchiere di bicarbonato direttamente nello scarico da disostruire e poi aggiungete un bicchiere di aceto di vino. Vedrete subito gli effetti della reazione chimica: una bella schiuma “frizzante”.

Dopo questo trattamento aspettate un paio d’ore e poi ripetete la procedura precedente con l’acqua calda. Il nemico dovrebbe essersi dissolto!

Acqua calda, sale e aceto

Anche sale e aceto mischiati assieme ad alte temperature rappresentano un potente mix adatto a sturare le tubature. Portate quasi a ebollizione un litro d’acqua, aggiungete due bicchieri di aceto e 5 cucchiai di sale grosso. Mescolate il tutto e buttate direttamente nello scarico ostruito. Spesso funziona!

Soda caustica e “idraulico liquido”

Ecco: questa soluzione non la prendete neanche in considerazione. Ve lo proibiamo tassativamente. Si tratta di sostanze pericolose per voi e per le tubature. Se trovate in giro siti che consigliano di utilizzare in autonomia queste sostanze altamente aggressive diffidate assolutamente e non fatelo. Se siete arrivati al punto di pensare di dover utilizzare un disgorgante vuol dire che sì, avete proprio bisogno di un idraulico in carne e ossa.

Lavandino otturato. Come risolvere?